Home Economia e Lavoro Il catanese Alfio Giulio ancora alla guida dei pensionati Cisl Sicilia

Il catanese Alfio Giulio ancora alla guida dei pensionati Cisl Sicilia


Redazione

Alfio Giulio cisl

Il catanese Alfio Giulio è stato confermato segretario generale della Fnp Pensionati Cisl Sicilia. L’elezione è avvenuta ieri al termine dei lavori del congresso che si è svolto nella sede dell’hotel NH di Palermo. Presenti anche Sebastiano Cappuccio, segretario generale Cisl Sicilia, e di Mimmo Di Matteo, segretario Fnp Cisl nazionale. Nella sua segreteria confermata Francesca Lo Monte.

A Giulio sono arrivate le congratulazioni della segreteria provinciale della Cisl etnea. Dal segretario generale Maurizio Attanasio e i segretari territoriali Lucrezia Quadronchi e Rosario Portale.

Giulio, 72 anni, è al suo terzo mandato alla guida dei Pensionati della Cisl siciliana: era stato eletto una prima volta nel 2013. A Catania, Giulio è stato nel 1980 nella segreteria dei metalmeccanici Cisl; nel 1987, segretario generale della Filca Cisl, il sindacato degli edili; nel 2008, è diventato segretario generale della Cisl provinciale. 

Le impressioni di Alfio Giulio

Al centro della sua relazione i temi della povertà cresciuta a causa della pandemia che «ha isolato ancora di più gli ultimi mettendoli ai margini della società». «Davanti a queste emergenze, sanitaria, sociale, culturale, economica – ha sottolineato – si è accentuato un deficit di politica. Coloro cioè che dovrebbero essere i rappresentanti del popolo non si impegnano fattivamente per la promozione del bene comune, specie per quanto riguarda i meno abbienti, gli emarginati, i giovani, le donne e tutti gli ‘invisibili’ della nostra società. Occorre, allora, riabilitare la politica, poiché solo con un interlocutore serio e responsabile si potranno rispettare gli impegni che un sindacato come la Fnp porta avanti. In favore dei lavoratori e delle lavoratrici, delle pensionate e dei pensionati, di tutti i cittadini più fragili e svantaggiati». 

Sull’emergenza sanitaria Giulio ha aggiunto. «A fronte delle debolezze del sistema sanitario e assistenziale che la pandemia ha messo in luce, rimane il fatto che in Sicilia è sempre più urgente la definizione di un piano socio-sanitario articolato e ben organizzato. Un piano invocato da tempo dal sindacato, che preveda il rilancio della sanità pubblica e rafforzi la medicina del territorio, per superare anche la drammatica situazione delle lunghissime liste d’attesa e del continuo caos nei pronto soccorso siciliani. Riteniamo indispensabile e inderogabile attuare la riforma dei distretti socio – sanitari per renderli più efficaci rispetto alle condizioni sociali attuali». 

Secondo Giulio «la crisi pandemica ha reso ancor più drammatica la situazione per chi è in condizione di non autosufficienza, che riguarda non soltanto gli anziani, ma anche persone di ogni età, con patologie diverse e ha peraltro, fatto emergere altre criticità, ovvero che un certo numero delle strutture come le Rsa e case di cura, anche per la mancanza di controlli, erano più simili a dei lager, con anziani spesso ridotti in una condizione di totale abbandono fisico e psicologico. 

Giulio ha quindi concluso: «L’anziano deve essere messo al centro di adeguate politiche sanitarie sociali che devono partire dalla valorizzazione della Persona e della dignità umana, che spesso invece con cure e assistenza inadeguate vengono calpestate».

Potrebbero interessarti

Catania Live