Home Dal resto della Sicilia Allarme gioco d’azzardo, Ugl Sicilia: “Potenziare le attività Ser.D.”

Allarme gioco d’azzardo, Ugl Sicilia: “Potenziare le attività Ser.D.”


Redazione

Il Segretario Regionale Ugl: "Ci si trova in una situazione di assoluta criticità"

Ugl

Potenziare in tutta l’isola le attività dei Ser. D. per la cura di coloro che soffrono di disturbi da gioco d’azzardo.

A chiederlo, rivolgendosi all’Assessorato regionale della Salute, è la federazione regionale Ugl Salute Sicilia. Auspicando un rapido intervento in applicazione della legge n° 24 approvata dall’Assemblea regionale siciliana il 21 ottobre 2020.

Le parole del Segretario Regionale Ugl Carmelo Urzì

“Nell’ultima rilevazione dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli del 10 settembre 2021, denominata “Libro blu”, la nostra regione è al secondo posto (con un esborso pro capite di 1098 euro) a livello nazionale per incremento di spesa nell’ambito del gioco, con un notevole incremento di quello virtuale e una onere per i giocatori complessivo da capogiro – dice il segretario regionale Carmelo Urzì. La pandemia Covid-19 ha acuito le difficoltà dei soggetti affetti da ludopatia, poiché, oltre ad aver alimentato la dipendenza dirottandola parzialmente e momentaneamente dal gioco fisico all’on-line, ha anche provocato il rallentamento delle prestazioni dei Servizi pubblici per le dipendenze del sistema sanitario regionale a causa delle varie restrizioni imposte dal Governo”.

“Ci si trova quindi – aggiunge il segretario di Ugl Salute Sicilia – in una situazione di assoluta criticità per il numero elevato di siciliani che soffrono di disturbo da gioco d’azzardo. (dipendenza comportamentale, complessa e multidimensionale inserita in ambito internazionale tra le dipendenze patologiche)”.

Carmelo Urzì continua dicendo:

“Inoltre, in alcune province dell’isola, vedi ad esempio Agrigento, l’Azienda sanitaria provinciale più di un anno fa ha indetto un bando per la selezione delle figure professionali necessarie al potenziamento dei Ser. D. Ma a quanto pare ancora oggi non si è proceduto con le relative selezioni né, tantomeno, con le assunzioni di personale specializzato in tale ambito. Eppure c’è ampia copertura finanziaria e non si comprende come mai sia tutto in stallo, nonostante l’emergenza G. A.. P. sia sempre più dilagante. Ci sono, potenzialmente, tutti gli strumenti per garantire prevenzione, cura e trattamento dei ludopatici. Siamo fortemente allarmati – conclude Urzì – e per questo auspichiamo una immediata attivazione per evitare l’aggravarsi di situazioni economiche. Ma anche sociali, strettamente connesse al fenomeno della ludopatia.”

Potrebbero interessarti

Catania Live