Incappucciato, fa sbranare i gatti dal suo cane: si consuma l’orrore

Nella città di Vittoria si consuma un orrore raccapricciante, uomo incappucciato fa sbranare dei gatti dal suo cane.

Un gatto dallo sguardo dolce
Un gatto dallo sguardo dolce (Catanialive24.it)

Nel Comune di Vittoria, in provincia di Ragusa, si è consumato un orrore inaudito, che logora ogni sensibilità. Un individuo, incappucciato, ha fatto sgranare dei gattini, a pochi giorni di distanza, dal suo cane. Il primo episodio risale al 15 dicembre, il secondo al 24 dicembre scorso. Telecamere e testimoni non sono ancora riusciti a identificare il responsabile.

L’uomo, per non farsi riconoscere, uscirebbe in strada incappucciato, insieme al suo cane, e lo lancerebbe contro piccole creature indifese. L’uomo è stato denunciato ai Carabinieri, da parte di un testimone, il quale non sarebbe riuscito a fornirne l’identità. Il 15 dicembre era stato linciato un gatto di pochi giorni, il 24 dicembre, invece, è toccato a un gatto di 4 anni, sterilizzato, chiamato Nino, trovato morto poco lontano dalla sua abitazione.

L’orrore consumato per le strade di Vittoria, nel ragusano: uomo fa sbranare gatti dal cane

Gatto in strada
Gatto in strada (Catanialive24.it)

In entrambi gli episodi sono intervenuti i vigili urbani di Vittoria, attivando le procedure per il ritiro dei poveri animali uccisi senza pietà. Le foto delle carcasse hanno sollevato tantissime polemiche in città. L’avvocato Vincenza Forte, testimone dei fatti e che ha sporto denuncia, ammette che “è evidente ci sia qualcuno che si diverte crudelmente a far sbranare esseri innocenti dal proprio cane”.

Nella querela per maltrattamento di animali, esposta ai Carabinieri, il testimone che ha denunciato l’accaduto chiede che il colpevole sia punito severamente, inoltre si riserva la costituzione di parte civile in un eventuale procedimento penale. È stato nominato il legale Giuseppe Lipera del foto di Catania, per fare luce sul caso. Si tratta di un fatto deplorevole, spaventoso, che non può essere ignorato.

Appena sentite le urla della donna, l’uomo incappucciato è fuggito via, insieme al suo cane, tenuto al guinzaglio. Speriamo che il responsabile venga preso al più presto, fatti del genere sono inconcepibili per una società civile. Dopo le numerose campagne di sensibilizzazione per aiutare gli animali, eventi di questo tipo fanno venire la nausea, e sottolineano ancora una volta, come se ce ne fosse bisogno, l’estrema crudeltà dell’essere umano.

Impostazioni privacy