Home Hinterland e provincia Ugl: “Più verde e meno cemento, la nuova sostenibilità ambientale”

Ugl: “Più verde e meno cemento, la nuova sostenibilità ambientale”


Giada Giannusa

Sta per volgere al termine il ciclo degli appuntamenti sulla partecipazione al processo di redazione del nuovo Piano urbanistico generale da parte degli stakeholders.

Ugl: “Sia una città a misura di lavoratore. Più verde e meno cemento, puntando su riqualificazione e sostenibilità ambientale”

Sta per volgere al termine il ciclo degli appuntamenti sulla partecipazione al processo di redazione del nuovo Piano urbanistico generale da parte degli stakeholders.

A partecipare agli incontri, che si sono svolti a “Palazzo della Cultura”, anche la Ugl catanese che nei prossimi giorni consegnerà un documento con le osservazioni dal punto di vista dei lavoratori.

Le parole di Giovanni Giacalone ed  Enrico Trantino

“E’ certamente un percorso importante quello previsto dalla normativa e messo a punto dall’ufficio, diretto da Biagio Bisignani con il coordinamento dell’assessore al ramo Enrico Trantino, che rappresenta sicuramente un’occasione per un confronto tra le categorie sulle interessanti tematiche proposte che rappresenta sicuramente un’occasione per un confronto tra le categorie sulle interessanti tematiche proposte.”

Una missione quasi impossibile che speriamo venga portata a termine, perché oggi in ballo c’è il futuro della città di Catania.

Confidiamo in questo senso nella volontà politica dell’Amministrazione e nel lavoro dei tecnici – aggiungono Musumeci e Giacalone – mentre da parte nostra l’invito principale è quello di puntare ad una vision complessiva e non ai singoli punti di forza o alle isolate debolezze che presenta il territorio non più circoscritto alla sola Catania, ma in funzione dell’impatto che l’hinterland ha su essa in ogni settore. 

Una pianificazione attuale che però deve guardare al domani, ad una realtà territoriale che da una parte deve sviluppare la sua vocazione economica e commerciale (area sud-est), dall’altra ha bisogno di trovare la sua identità di città nella città con più servizi ed un migliore grado di vivibilità (area sud-ovest) ed un centro da valorizzare in primo luogo nei suoi aspetti legati al turismo ed al commercio. C’è anche la zona a nord-est da ripensare, così come la parte a nord-ovest, principalmente in tema di viabilità e trasporto. Una Catania che deve guardare all’ecosostenibilità ambientale, puntando in modo spinto sul recupero dell’esistente e non su nuove volumetrie costruttive, oltre che sulla proliferazione di parchi ed aree a verde. 

Riteniamo – continuano i sindacalisti della Ugl – di rilevante importanza anche la realizzazione di un polo congressuale e fieristico degno di nota (già previsti dal Patto territoriale), la previsione di parcheggi interrati e di più isole ecologiche, nonché di un serio ragionamento sull’organizzazione del waterfront da Ognina al Faro e dalla Playa fino ad arrivare al confine con Siracusa.

Abbiamo apprezzato, infine, la volontà dell’Amministrazione di pedonalizzare alcuni tratti del centro storico e, su questo, non possiamo che auspicare una strategia totale su come rivoluzionare cuore della città

Non si dovrà dimenticare, prima di ogni cosa, l’impellenza di pretendere la fascia 1 di rischio sismico e pianificare attività agevolative per la riqualificazione energetica degli edifici.

 C’è veramente tanto da fare per rendere la nostra una città a misura di lavoratore, come ad esempio anche piani concreti del commercio e del traffico, ma quel che conta è che queste impellenze non si trasformino in gravi ritardi, tali da compromettere il futuro della città.

Temiamo, infatti, che l’inerzia alla fine, come sempre, possa prendere il sopravvento e non vorremmo che il parto di questo Pug (che deve essere economicamente sostenibile) sia lungo e difficile un po’ come sta accadendo per il progetto di Corso dei Martiri, rischiando che l’elaborato una volta realizzato sia già superato – concludono dalla Ugl.” 

 

Potrebbero interessarti

Catania Live